Palermo

Palermo

 

Palermo è da sempre simbolo della multiculturalità. Da tempi lontani è luogo d’incontro di forme d’arte, tradizioni, lingue, sapori e profumi. Le tante civiltà che l’hanno conquistata e abitata nel corso dei secoli hanno lasciato la loro distintiva impronta in modo indelebile.

Raramente un luogo suscita così tanti sentimenti ed emozioni, spesso contrastanti tra loro. E’ proprio questo l’incanto di Palermo, i suoi mille volti e le sue atmosfere così variegate che riescono a catturare ogni visitatore.

Civiltà e culture stratificate emergono in vari angoli del centro storico. La città  è stata fenicia, romana, bizantina, araba, normanna, sveva, francese e spagnola. Basta passeggiare nella zona monumentale per rendersi conto che il patrimonio millenario della città riflette in pieno l’aspetto eterogeneo della sua storia. Qui si trovano stili unici come l’arabo-normanno (patrimonio Unesco dal 2015) o il gotico-catalano. Entrambi evidenze del continuo avvicendarsi nel passato di culture tanto diverse tra loro, ma che in questi luoghi si fondono in un unicum sorprendente e, allo stesso tempo, armonico.

I dintorni di Palermo

I dintorni del capoluogo sono luoghi ideali per tour, attività ricreative, escursioni naturaliste, esperienze enogastronomiche. Abbondano i posti incantevoli e le ridenti località marittime come Cefalù Mondello, Mongerbino. Si può andare verso l’interno e scoprire l’unicità culturale di Piana degli Albanesi, Contessa Entellina e Palazzo Adriano. Oppure perdersi nella natura del parco delle Madonie. Qui si trovano posti unici come Castelbuono, la città della “manna” e del panettone siciliano, Geraci Siculo, Petralia Soprana, “borgo più bello d’Italia”, Ganci.